Disma Rotating Header Image

ricordi

Peso sulle spalle

Io a volte mentre cammino, la mattina quando vado a lavoro, mi sembra che sto camminando troppo leggere, come se mi mancasse un peso sulle spalle, ho proprio la sensazione che lì sopra, sulle mie spalle, ci dovrebbe essere qualcosa di pesante, non dico tanto, 3-4 kg, una cosa così. E allora quando alla mattina ho questa sensazione che mentre sto camminando mi sento troppo leggero giro la testa, per quanto possibile, la mia testa non si gira molto, e mi controllo le spalle e mentre lo faccio mi esplode sulla faccia la sensazione di aver dimenticato a casa lo zaino, la cartella. E questo peso sulle spalle è il peso sulle spalle che uno si portava a scuola, che dopo tanti anni, ancora, è lì che mi guarda e di tanto in tanto si palesa all’improvviso con un brividino nella pancia e il pensiero di dover tornare indietro, a casa, a prendere la cartella. Poi non lo so se per tutti vale questa cosa qua.

Condividi please

Immagini nella retina

Io ogni volta che faccio la pipì contro un albero ho due immagini ricorrenti che si alternano. La prima è di un tizio che ho visto in Inghilterra quando ero piccolo. Questo qui, quello che ho visto in Inghilterra quando ero piccolo, stava urinando contro un pioppo inglese e mentre gli stavo passando di fianco, in contemporanea con la minzione, con movimento fluido, da pantera, ha spostato leggermente il bacino e ha tirato una scoreggia che se c’era dietro una guardia inglese quelle col cappello di pelo, il cappello di pelo gli cadeva.

L’altra immagine che associo è quella di un giovane me che piscia sul muro della Stazione Centrale di Milano, ubriaco, sente tap tap sulla spalla, si gira e ci sono due carabinieri. Lo sa che non può farla qui, vero? Io, ridendo, sì eheheheh. Ecco, per cortesia vada là dove ci sono quegli alberi. Io, per non piegarmi al gioco del potere, agli alberi ci sono andato saltellando con i pantaloni calati. Questo perché pensavo di irritarli, in realtà ho ottenuto solo alcune macchie di urina sui pantaloni.

Condividi please

Quelle cose lì che ti rimangono impresse

Recentemente ho visto una persona che non vedevo da tanto tempo. Intendo anni, oltre dieci. Diciamo pure oltre quindici. La prima cosa che ha detto è stata ‘ti ricordi quella volta a quella festa che hai detto a quella ragazza: ‘Oh, ma tu ti depili le ascelle?’. No, io non me lo ricordavo. Pare che la ragazza, che nel frattempo è diventata la di lui ragazza, se lo ricordi. La seconda cosa che ricordava di me, questa la ricordavo anche io, era relativa ad una vasca da bagno nella quale ero stato adagiato mentre mi vomitavo addosso, dopo aver vomitato sul tappeto del soggiorno. A casa di una di cui ero innamorato. Giusto per la cronaca, la tizia non l’ho conquistata né quel giorno lì, né quello dopo e nemmeno quello dopo ancora.

Condividi please