Disma Rotating Header Image

elezioni amministrative milano

Se non si vince con quest’uomo qua

Lei fischiata dai disabili, lui sventa un furto d’auto. Ragazzi, se non si vince con quest’uomo qua non si vince per i prossimi duemila anni.

PisapiaxImmigrati

C’è una cosa che mi piace molto nel programma di Pisapia, cosa che gli viene contestata dalla Lega, ma che a me pare una roba di assoluto buon senso. Una di quelle cose che non dovresti nemmeno stare a discutere, come quando ti fermano per strada i tofanelli con finti tesserini di riconoscimento e ti chiedono se hai qualcosa contro i down. Cioé una di quelle cose che, dal mio punto di vista, o sei la Regina Malvagia di Biancaneve oppure non ha senso opporvisi. La cosa è questa:
modifica della legge che vieta la partecipazione ai concorsi pubblici ai cittadini stranieri, introducendo invece il requisito di residenza/permesso di soggiorno. (conduttori di mezzi pubblici, tassisti ed in genere sportellisti pubblici fanno molto più per l’integrazione di qualsiasi altro sistema, come anche poliziotti, vigili del fuoco, ecc.)

E la cosa è talmente evidente che sia giusta e che non solo sia giusta, ma doverosa, che non si riesce veramente a capire dove ci si debba opporre. Se vuoi evitare la ghettizzazione, la microcriminalita nei ghetti ad alto tasso d’immigrazione e via dicendo, non c’è altra strada che l’integrazione, se vivi in una città dove non esiste un impiegato dell’anagrafe di un altro colore, qualcosa di storto c’è.

Consiglio Comunale gente eletta con meno di duecento voti, forse

Ma ci rendiamo conto che in una città come Milano possono finire in consiglio comunale tizi che hanno raccolto una cosa come 500 preferenze? Cioè 1/48 della rappresentanza consiliare, sono 48 i consiglieri, rappresenta 500 milanesi. Poi credo ci siano anche consiglieri eletto con meno di cinquecento preferenze, ma non ho voglia di stare lì a controllare le varie ipotesi. Io trovo la cosa demoralizzante, nel senso che cinquecento voti se uno non è completamente ciula, le tira su in quattro e quattr’otto. I miei dubbi nella democrazia rappresentativa sono sempre più forti.

PS ho approfondito un attimo la cosa, lo schieramento perdente, nel caso in cui perda il centrodestra, potrebbe portare in consiglio un signore che ha preso 463 preferenze. Lo schieramento perdente, ossia quello che porta meno consiglieri. Se il centrodestra dovesse invece vincere c’è la possibilità che in consiglio sieda un altro signore che di preferenze ne ha prese 160!
Se vince Pisapia, i consiglieri comunali con meno voti avrebbero tra i 480 e i 500 voti, se Pisapia dovesse invece perdere ci sarebbe ad esempio in consiglio il capolista dell’IDV che di voti ne ha presi 536. Ma la cosa più allucinante sarebbe avere un consigliere comunale con 160 preferenze. A me sembra proprio che ci sia qualcosa che non funziona in questo sistema elettorale.

2PS i dati li ho presi da qua, qua e qua

CONCLUSIONE: il consiglio comunale rappresenta sta cippa di minchia

Datele dei vetri e una buona picozza

Il centrodestra corregge il tiro a Milano

Pare che essi hanno deciso di abbassare i toni, in modo vistoso.

La vittoria migliore

Stavo pensando che sinceramente non ricordo un altro momento come questo, politicamente parlando. Nel senso che nel, cos’era ’96 mi sembra, quando vinse L’Ulivo, ero sceso in piazza a festeggiare tutto contento. Poi in piazza c’erano gente che avevano la bandiera della DC, quelli che fino al giorno prima erano i nostri nemici numero uno. Oggi per la prima volta sento una vittoria di sinistra, vera e concreta. Ovviamente parlo del primo turno, se poi ce la prendiamo in culo al ballottaggio almeno ho avuto qualcosa per festeggiare.

Letizia Moratti: Io credo che uno dice una cosa nel momento in cui si sente di dire una determinata cosa

Parole di Letizia, testuali. Non fa una grinza. Dirò di più, e lo dirò in virtù del fatto che in questo momento mi sento di dire questa cosa in più: io credo che uno non dice una cosa nel momento in cui non si sente di dire una determinata cosa. E ditemi che sbaglio se ne avete il coraggio.

Grazie Letizia (il comunicato completo che si conclude con quella frase, lo trovate nella sezione news del suo sito, che non linko)

PS e soprattutto grazie a Teo Salamella Rossa che me l’ha segnalata