Disma Rotating Header Image

corriere

Il Giappone non è più una notizia?

Oggi non ci sono più titoli di apertura sul Giappone, mi riferisco ai due giornali principali Corriere e Repubblica. Entrambi lo fanno scendere a terza (scusate corriere a quinta) notizia, forse non ci sono più allarmi catastrofisti da lanciare, incubi radioattivi di cui parlare, nubi tossiche, evacuazioni, black out e Godzilla su cui speculare? Avanti il prossimo.

Condividi please

E non avevo ancora visto il titolo di Repubblica di oggi

E come dice giustamente Mattia, Peppe, non era l’ultimo italiano a Tokyo, infatti hanno cambiato il titolo.

Condividi please

Esodo di massa a Tokyo #2

Ieri dicevo che le prime parole che ho sentito erano state tipo Tokyo, esodo e cose così. Mi sono puzzate di cagate subito. Così come i titoli del Corriere e di Repubblica, allarmisti senza precedenti. Come dicevo dal Giappone, gente al telefono, amici e simili, negavano. A Tokyo nessun esodo, niente del genere. Cercando avevo scoperto che c’era un falso dispaccio dell’ambasciata francese molto allarmista, secondo me qualcosa dipendeva da quello. Ieri sera sembrava che il paese dovesse esplodere. Sull’Asahi Shimbun edizione giapponese non c’era scritto niente, non dico che sembrava tutto a posto, ma l’allarme era cento volte inferiore a quello dei nostri quotidiani. Non fidatevi. Oggi scopro che non sono solo i media italiani a dire un mucchio di minchiate, ci si mettono pure i tabloid inglesi come il The Sun. C’è da dire che il The Sun è notoriamente un quotidiano che cavalca il titolo strillato, per non dimenticare (come per altro non dimenticava mai il Lercio di Irvine Welsh) le pagine centrali con le donne mezze nude. Ecco, no, per dire che cosa ricordano Corriere e Repubblica come livello di serietà sulla vicenda.

Condividi please

Repubblica e Corriere su Mike

E’ solo una mia impressione o quella notizia lì, per quanto sia stato indubbiamente un personaggio importante della televisione italiana (nonostante questo), è un po’ sopravvalutata? Cioé merita l’apertura dei principali quotidiani online italiani? Io penso che in ‘sti giorni ci siano cose un filo più succose sui cui fare titoli. Poi boh, ci sarà ben un motivo se io non sono il direttore di un giornale e quelli lì che decidono lo sono.

PS che per altro in tutta questa storia, c’era già stato un lato surreale della questione

Condividi please

Lega vs. Rifondazione due pesi e due misure

Qualche tempo fa dicevo che di Rifondazione non si sente parlare più, Rifo c’ha i suoi problemi, però devo dire che pure i giornali ci mettono del loro. L’attentato alla sede della Lega è finito in homepage del Corriere come notizia d’apertura in una quarantina di minuti, come quarta notizia sulla homepage di Repubblica. Ieri hanno dato fuoco ad una sede di Rifondazione Comunista a Teramo, ne hanno parlato Abruzzo Web, Prima di Noi e un’agenzia dell’Ansa. E con tutto il rispetto per Abruzzo Web e Prima di Noi, non è proprio la stessa cosa.

PS ovviamente la Lega non c’entra nulla, è il giornalismo che funziona alla cazzo

Condividi please

Non per smorzare gli entusiasmi

A quelli del Corriere, ma corriere non è come iPad o Playstation, è una parola di uso comune. C’è il corriere espresso, c’è il corriere dello sport, c’è il corriere adriatico, c’è il corriere del Ticino, c’è il corriere del mezzogiorno, c’è il corriere di sto cazzo, insomma ce n’è un sacco. Mica per smorzare gli entusiasmi eh! Perché a sto punto vorrebbe dire, secondo la classifica, che Libero il quotidiano corrisponderebbe alla terza parola, per l’appunto libero, più cercata su Google e io ho la fondata sensazione che non sia così.

Condividi please

Cose interessantissime

Ci sono cose che sono interessantissime e magari per disattenzione ci sfuggono. Io, che sono uno che vuole bene a chi viene su questo blog, oggi mi premuro di non farvela sfuggire una cosa interessantissima che ho letto interessatissimo. E’ una lettera di una sedicenne che dice che a lei non gli è piaciuto mica tanto andare in vacanza a Ios, è sulla prima pagine del corriere online. Che lei praticamente dice che a Ios si balla, si beve e si vomita, che è vero che quando ci sono andato ho fatto tutte queste cose, a dire il vero non ho ballato. Ecco comunque lei, la studentessa di sedici anni, si è noiata a Ios, che pare è andata solo due volte alla spiaggia di Ios. E poi niente. Comunque è una cosa interessantissima.

Condividi please