Disma Rotating Header Image

chiesa

La considerazione che ho della chiesa e del mondo in genere

Ho letto le prime due righe senza fare caso alla foto e mi sono detto “Ok, adesso se la prendono con la corrente elettrica perché è tipo un sintomo di modernità laida e portatrice del demonio”. E non mi sono sorpreso nemmeno più di tanto ritenendo la cosa plausibile.
Poi, sono andato avanti e non era così.

Questo per dire, a che livello di accettazione delle stronzate siamo arrivati, o per lo meno io. Ritenevo plausibile che un vescovo fosse contro i pali della luce. E mica perché sono scemo, è che le robe vengono troppo spesso spinte oltre i limiti dell’accettabile e l’asticella si abbassa sempre di più. E poi tocca a James Cameron di andarla a cercare negli abissi per sollevarla [cit.]

Condividi please

Ma le chiese a chi sono intestate?

Stavo pensando alla cosa dell’IMU per la Chiesa, e mi è venuto in mente che non so a chi sono intestate. Tipo a una società del Vaticano, la stessa che le possiede tutte, pure Arcivescovadi e via dicendo? Oppure proprio allo Stato Vaticano. O tipo, che ne so, ai discendenti di San Pietro o al Papa. Come funziona?

Condividi please

Ma la chiesa cattolica c’ha il copyright sul crocifisso?

Me lo chiedo perché ho letto una notizia che dice che c’è un pescatore in Sardegna che ha creato una finta chiesa e con l’inganno ha fatto fare la messa a dei preti e vabbé. La chiesa ha ordinato ai preti di non fare più messa in quel posto lì. Fino a qui tutto bene, come dice Hubert. Però poi leggo anche questa cosa qua: Il decreto impone ora il divieto di celebrazione eucaristica da parte di qualsiasi sacerdote o religioso. Oltre alla celebrazione della Santa Messa viene impedito lo svolgimento all’interno dello stabile di qualsiasi atto pubblico che abbia la parvenza di una cerimonia religiosa, come ad esempio processioni con l’uso di simboli sacri e preghiere di guarigione.

Mi sembra un po’ una cagata, nel senso, la Chiesa può impedire che uno faccia delle processioni e che usi croci e cazzibuffi? O la notizia non è stata riportata correttamente, oppure la chiesa lo vieta ma ognuno è libero di trasgredire il divieto come gli pare. Credo. C’è qualcosa che mi sfugge.

Condividi please

Con il potere di Greyskull


[corriere]

IL braccialetto tormentone dell’estate, il “Power balance”, finisce nel mirino dell’Antitrust. L’Authority ha chiesto chiarimenti alla Power Balance Italy, società con sede legale a Bazzano (e sede operativa a Roma), distributrice del braccialetto per l’Italia, e a Sport Town, la società che lo commercializza.

Al coloratissimo braccialetto di silicone e neoprene sono infatti attributi alcuni effetti benefici. «Le due società, nelle loro comunicazioni commerciali attribuiscono ai colorati braccialetti effetti positivi sull’equilibrio, sulla forza, sulla flessibilità e sulla resistenza fisica di chi li indossa. Caratteristiche estese alle collanine con ciondolo che completano la gamma», si legge nella nota dell’Antitrust, che ora chiede chiarimenti e riscontri scientifici. Le due aziende dovranno, entro i prossimi 15 giorni, fornire un’idonea documentazione medico-scientifica sulle proprietà e gli effetti sul corpo umano attribuiti ai prodotti, compresa «l’istantanea efficienza dei sistemi elettronici chimici e biologici dell’individuo».

Ora, lasciando perdere evidenti commenti sulla vicenda, però, l’antitrust non potrebbe intervenire anche nei confronti della chiesa cattolica, non so, chiedendo entro 15 giorni una documentazione scientifica che comprovi che quello che dice risponde a realtà, tipo che confessarsi è una cosa che fa bene all’anima che poi si va in paradiso, dato che c’è un sacco di gente che le dà i soldi alla domenica in chiesa e nel coso delle tasse. Non so, così per dire, eh.

Condividi please

Stavo pensando che… ossia riforma del linguaggio come lo intendiamo oggi in virtù dei recenti accadimenti nel soporifero mondo della cristianità

Ora come ora, dato i tempi che viviamo, dato che ci sono una serie di questioni irrisolte in seno alla chiesa, dato che comunque, insomma, è ormai conclamato che ci sono stati un tot di casi di preti che hanno approfittato di cose che una persona con tutte le cose al suo posto non farebbe, dato che comunque il linguaggio è sempre in evoluzione, dato che i giovani creano ogni giorno nuovi neologismi, dato che ‘zio’ mi fa cagare, dato che ‘bella lì’ e datato, dato che garantito al limone fa molto eroinomane anni ’70, almeno a me, dato che ‘capo’ fa parcheggiatore nel dopoguerra, dato che scemodimmerda fa molto radio commerciale, dato che Data è dato a Star Trek, ecco, dato tutto questo, ho pensato che in questi giorni deve entrare in uso un nuovo vocabolo insultante, sprezzante, giovanilistico e volgare, meno datato, che faccia riferimento agli ultimi accadimenti relativi al mondo della cristianità. Che ne so, una cosa tipo ‘pantalonidaprete’ o ‘minchiac’hailaboccacheèapertacomelazipdiunprete’ o ‘oh!tienilemaniapostochemisembriunprete’ o ‘minchiavuoi?!ilculotoccaloatuasorellaprete!’. Non lo so, qualcosa così. Ovviamente il modo di dire ‘scherzo da prete’ dovrebbe assumere tutta un’accezione diversa. Un po’ macabra se vogliamo. Un po’ da prete.

Condividi please

Gente dimentica

La denuncia? Scordata

Me lo vedo io, quando esce dalla chiesa. Gas chiuso, finestre serrate, luce spenta… mmm mi sembra di dimenticare qualcosa… ma sì, sarà soltanto una sensazione.

Condividi please

Valori cristiani

E la roba è che non c’è un cazzo da stupirsi, proprio niente. In duemila anni la chiesa ha fatto solo porcate in nome della cristianità e continua a farle, tutto qui.

Condividi please