Disma Rotating Header Image

Fantini

Mi chiedevo una cosa sui fantini. I fantini quelli delle gare all’ippodromo, sia quelle con le carrozzelle che quelle senza. Quelle, per capirci, che alla fine il pubblico si alza e i seggiolini fanno tlac, tlac, tlac. O almeno, a San Siro è così. Quelli che ci punti sopra e vinci o perdi. Quelli che montano i cavalli per un pubblico di scommettitori che fumano sigarette senza filtro, bevono grappe dalle dieci di mattina e chiedono dritte per la tris. Niente, mi chiedevo, ma questi poveri fantini, perché sono gli unici a cui nessuno ha mai pensato di rinnovare il vestiario. Che con le divise che mettono, sembrano appena usciti da una festa di carnevale. Chissà poi che prurito con quei completini sgargianti in pura flanella al cento per cento. Mica possono continuare a vestirli come degli arlecchini degli anni ’70 ‘sti poveri fantini, che già hanno le loro belle gatte da pelare. O no?

Condividi please

18 Comments

  1. carlo says:

    In effetti hai ragione. Io conosco un tale che fa Fantini di cognome.
    Anche lui, fin da bambino, si veste così.

  2. Disma says:

    vedi, ho fatto tutte quelle specificazioni proprio per non attaccare ingiustamente i Fantini di cognome, e a quanto pare, le mie precauzioni erano inutili

  3. carlo says:

    non c’è fine al baratro nel quale stiamo sprofondando…

  4. Andrea SVL says:

    Del resto lo dice anche il proverbio… scherza coi Fantini ma lascia stare i Santini

  5. carlo says:

    Beh, questo mi consola.
    Per questa volta sono salvo…

  6. LAlessia says:

    Poveri cavalli.

  7. Disma says:

    e povero anche il re

  8. LAlessia says:

    E povero te, e povera me.

  9. mattia says:

    Poveri cavalli.

    E infatti c’è chi ha guardato la situazione dal punto di vista del cavallo.
    http://www.360cities.net/it/image/dead-horse#11.40,-29.60,63.2

    Anche se quello sopra non è un fantino.

  10. LAlessia says:

    Che bella!

  11. Disma says:

    la scultura non l’ho capita, il senso dico, però la galleria in cui è inserita è veramente figa

  12. mattia says:

    La scultura è una provocazione, rispetto a questa più famosa scultura
    http://www.traveltoprague.org/galerie/socha_sv._vaclava_2.jpg

    Invece di guardare al tizio sul cavallo si concentra sul cavallo, che ne ha anche un po’ piene le balle di avere un tizio seduto sopra.
    Mentre il tizio seduto sopra è immutato, che manco si accorge che il cavallo è sottosopra.

    Comunque sì, la galleria è stupenda, e il cinema che c’è dentro ancora di più.

  13. Disma says:

    ha quel tocco di decadenza che la rende affascinante, la galleria dico

  14. mattia says:

    Tra l’altro, sai chi l’ha progettata?
    Vaclav Havel.
    Ma mica lui, quello famoso. Bensì suo nonno, che si chiamava come lui, e faceva l’ingegnere.

  15. Disma says:

    oggi, o ieri non ricordo, leggevo di un certo Vaclav Havel che non era il presidente, ma non so nemmeno se era il nonno di cui parli… non mi ricordo perché leggevo di lui…mmm non mi viene in mente

  16. mattia says:

    è tardi disma, va’ a letto. Magari domani te lo ricordi.

    Piesse: comunque l’arizona è proprio un posto del cazzo.

  17. Disma says:

    domani tanto non si lavora… ho letto dell’Arizona, però dai, ha il suo fascino. buonanotte.

  18. mattia says:

    ah già, è vero che da voi domani è festa.
    Vivendo da tempo in terre laiche me ne ero dimenticato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

FLAGGA QUI DI FIANCO SE VUOI CHE TI ARRIVI UNA FOTTUTA MAIL IN CASO QUALCUNO RISPONDA AL TUO STRAMALEDETTO COMMENTO. SE VUOI SOTTOSCRIVERE I COMMENTI SENZA MANCO SCRIVERE NIENTE CLICCA QUI.