Disma Rotating Header Image

Sergio Bonelli

Non lo conoscevo personalmente, ma da sempre suo lettore ero affezionato alla sua figura paterna di editore vecchio stampo. Ogni anno mi arriva un pacco con alcuni fumetti e un bigliettino firmato da Segio Bonelli. Scritto a penna, non in pdf all’interno di anonime mailing list. Una cosa d’altri tempi, dolce, carina. Come dicevo non l’ho mai conosciuto, mi sono sempre detto che gli avrei fatto un’intervista fiume, di quelle lunghissime e strabordanti dove non sai mai cosa tagliare perché ti piace ogni singola parola e ogni passaggio è essenziale. Poi non è mai capitata l’occasione giusta, purtroppo. Da quest’anno quel bigliettino vergato a penna non mi arriverà più. Al suo posto un vuoto difficile da colmare per tutti quelli come me cresciuti con i suoi fumetti. Credo proprio che il fumetto in Italia non avrebbe il mercato e gli appassionati che ha se la Bonelli non fosse stata quello che è, ed è quello che è grazie al suo editore Sergio Bonelli.

Condividi please

2 Comments

  1. Romeo says:

    Ma pensa! L’avevo conosciuto qualche anno fa, mi era parso subito un brav’uomo, un signore “d’altri tempi”, come dici giustamente tu, e mi colpì il rispetto con cui parlava dei suoi lettori.

    Arrivederci (speriamo…), Segio Bonelli!

  2. Disma says:

    anche io ho avuto proprio quell’impressione lì, mi spiace proprio di non aver potuto fare una bella chiacchierata

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

FLAGGA QUI DI FIANCO SE VUOI CHE TI ARRIVI UNA FOTTUTA MAIL IN CASO QUALCUNO RISPONDA AL TUO STRAMALEDETTO COMMENTO. SE VUOI SOTTOSCRIVERE I COMMENTI SENZA MANCO SCRIVERE NIENTE CLICCA QUI.