Disma Rotating Header Image

A proposito di birre artigianali

Oggi ho preso queste: 1) La Chouffe 2) La birra Agreste del birrificio Torrechiara (è quella in mezzo nella foto, ma credo abbiano cambiato le etichette, mia supposizione) 3) Una Moinette 4) Una weizen dell’Officina della Birra 5-6) due Franziskaner una dunkel e una hell.
Quello che non mi è chiaro di alcune birre è se sono crude e non filtrate. Perché parlando con alcuni produttori mi hanno detto che loro non lo scrivono nemmeno quando la birra è cruda perché danno per scontato che se è artigianale è cruda. La questione del non filtrato invece non ho capito se è così automatica.

Condividi please

3 Comments

  1. Der Pilger says:

    qui se i birrifici artigianali non ti dicono che e’ cruda. pero’ se te la porti via e sentendo l’accento italico ti dicono di berla entro due giorni e di tenerla in frigo, segno che e’ ancora viva.

    riguardo la filtratura.
    un birraio mi diceva che la filtratura e’ una cosa recente, anzi una assurdita’ recente come ha detto lui, dovuta a questioni di marketing.
    qui sta prendendo piede la “Kellerbier” (birra di cantina?) che e’ praticamente una lager non filtrata.
    diciamo che se devo celebrare il weekend (ahem…) vado per quella filtrata, ma se si tratta di bere bene allora via di kellerbier.
    per un certo periodo di tempo ho visto in giro la weissbier filtrata, ma ci deve essere stata una sommossa e quindi e’ durata poco.

    ci sarebbe da aprire il capitolo delle doppelbock, ma fa troppo caldo.

  2. Disma says:

    io per sbronzarmi vado di ale, ma a sapore preferisco rigorosamente la famiglia delle lager e le weizen, poi non si può genralizzare perché ci sono ottomila tipi, però grosso modo così. La filtratura credo la usino per dare un colore più brillante, pulito, alle birre, stessa questione di marketing che ci raccontava in trasmissione l’agronomo, che diceva che le mele le vogliono tutte rosse e lucide anche se quelle più buone sarebbero in realtà altre

  3. Der Pilger says:

    io adotto la regola di bere roba del posto e non mi sono mai trovato male.
    guinnes o kilkenny in irlanda, ale in britannia, koelsch in prussia, helles in baviera, vino in italia… ;)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

FLAGGA QUI DI FIANCO SE VUOI CHE TI ARRIVI UNA FOTTUTA MAIL IN CASO QUALCUNO RISPONDA AL TUO STRAMALEDETTO COMMENTO. SE VUOI SOTTOSCRIVERE I COMMENTI SENZA MANCO SCRIVERE NIENTE CLICCA QUI.