Disma Rotating Header Image

Ken Santos, quello forte del Brasile di Arrivano i Superboys

Io mi chiedo cosa succederebbe se oggi andasse in onda un cartone animato dove un teenager, per allenarsi e rafforzare le gambe, si fa passare sulle stesse da una jeep guidata dal suo allenatore, un adulto. Mentre il suo rivale Shingo Tamai, tira pedate incredibili contro tronchi d’albero. Mi chiedo se sarebbe possibile mandarla in onda una cosa così, che secondo me dovrebbe andare in onda, ma secondo me scoppierebbe un casino con tutti quei genitori e associazioni che rompono i coglioni se uno in un film non mette la cintura di sicurezza.

Condividi please

9 Comments

  1. Romeo says:

    Io mi chiedo cosa succederebbe se oggi andasse in onda un cartone animato dove un teenager, per allenarsi e rafforzare le gambe, si fa passare sulle stesse da una jeep guidata dal suo allenatore, un adulto.

    Guarda, tu non hai idea di che cosa [non[ abbiano nella testa tanti teenager di oggi – non tutti, per carità, ma tanti: io lo so, insegno a scuola. Si farebbero passare il tram sui piedi se lo dice la tv.

  2. Disma says:

    beh, a essere sincero, io quando avevo circa otto anni mi ero completamente spellato le nocche perché tiravo i pugni contro il muro come Rocky Joe :D, però non mi sarei mai fatto passare una macchina sulle gambe ;)

  3. madmat says:

    …scommetto che ne portavi i segni con un certo orgoglio?

    Noi invece si faceva i Chips.
    La regola era quella di viaggiare sempre affiancati a qualunque costo…ed il prezzo erano rovinose cadute, per lo più dovute alla banale ma sempre classica toccata di manubri!
    Pericoli veri non ne abbiamo mai cercati! Al massimo si coinvolgeva anche altri bambini per ricostruire gli incidenti a catena.

  4. Disma says:

    I chips non sono mai stati eroi veri della mia infanzia, al massimo bo e duke e starsky e hutch

  5. madmat says:

    Eh forte anche quelli, forse più Bo e ‘L’uke che Starsky e ‘D’utch ;)

  6. Disma says:

    sì luke Duke era il cognome!

  7. LaCri says:

    Mimì Ayuara e le sue compagne si allenavano con delle catene ai polsi…suppongo che l’allenatore (adulto) gliele facesse mettere come dei pesi….a me, seppure giocassi a pallavolo, sembra un’idea totalmente balenga….ma sicuramente il moige avrebbe avuto da ridire…

  8. Disma says:

    adesso sta uscendo il fumetto di Attack N°1 che sarebbe mimi ayuara, volevo prenderlo ma il formato non mi piace è un mini libro di 4-5 centimetri

  9. Lorenzo says:

    Le generazioni precedenti avevano dei maroni grandi come palloni… Si facevano rovinose cadute e, tranne qualche comparsata al pronto soccorso, ci si rialzava dopo due lacrime….ed i nostri genitori, nati durante o subito dopo la seconda, avevano meno seghe e ci tormentavano meno con le loro ansie….come fanno tanti miei coetanei, ora, con i loro figli….

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

FLAGGA QUI DI FIANCO SE VUOI CHE TI ARRIVI UNA FOTTUTA MAIL IN CASO QUALCUNO RISPONDA AL TUO STRAMALEDETTO COMMENTO. SE VUOI SOTTOSCRIVERE I COMMENTI SENZA MANCO SCRIVERE NIENTE CLICCA QUI.