Disma Rotating Header Image

Sono donna e dico basta

Trovo che la gallery/iniziativa di Repubblica Sono donna e dico basta, sia una delle cose più imbarazzanti che mi sono capitate sotto gli occhi negli ultimi mesi. Foto di tizie sdraiate in mezzo ai gatti, immagini sfocate, autoscatti con duckface, fotografie con dentro più persone con facce censurate tranne quella della protagonista dello scatto per questioni di privacy, fototessere 2×2, quadretti ricordo con i Faraglioni sullo sfondo, il tutto condito da scritte dai contenuti banali fatte con paint e appiccicate sopra alla belle meglio. Brrr. Aprire quella fotogallery fa l’effetto di entrare in casa dell’anziana cugina della nonna che tiene la gondolina sul televisore e la carta da parati marrone come elemento di prestigio della magione. Vi prego, formato standard, foto fatte ad hoc e soprattutto vietate le scritte con paint e le duckface!

Condividi please

2 Comments

  1. arcureo says:

    Anche perché le duckface fanno così tanto decerebrata-che-vorrebbe-essere-Ruby…

  2. manuel says:

    sono uomo e dico basta!
    ma si potrà combattere la mercificazione del corpo e dell’immagine della donna con immagini di corpi di donne?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

FLAGGA QUI DI FIANCO SE VUOI CHE TI ARRIVI UNA FOTTUTA MAIL IN CASO QUALCUNO RISPONDA AL TUO STRAMALEDETTO COMMENTO. SE VUOI SOTTOSCRIVERE I COMMENTI SENZA MANCO SCRIVERE NIENTE CLICCA QUI.