Disma Rotating Header Image

Al tg1

Non parlo di Minzolini, di politica o di tutte quelle cose che occupano le prime pagine dei giornali. Mi riferisco all’ultima edizione del telegiornale della rete ammiraglia della Rai. Tra i titoli ce ne era uno che diceva “Aikido, la ginnastica alla moda che arriva dall’oriente“, o una cosa molto simile. Sottotitolo, in voce, “l’aikido, la ginnastica che si pratica con dei larghi pantaloni neri e una comoda giacca bianca“. Ma questi, mi chiedo, vengono da Marte? L’aikido c’è in Italia da decine d’anni, io l’ho pure praticato, per due volte, ma l’ho praticato. E non è una ginnastica alla moda!!! E un’arte marziale! Cazzo. E quel porre l’accento sull’abbigliamento? Che poi è tutto sommato il classico abbigliamento da arti marziali. Purtroppo ho perso il servizio, ho visto solo il titolo. Se non fosse che è judo, al tg1 gli farei un ippon seoi nage come si deve.

Condividi please

24 Comments

  1. Che vergogna, a questo siamo arrivati….. “L’Aikido è la nuova ginnastica dolce alla moda”…Morihei Ueshiba si sta letteralmente rivoltando nella tomba…
    A parte il fatto che L’Aikido è in italia da almeno 45 anni… è una vera arte marziale, efficace e di altissimo livello… Grazie Dimaz

  2. Disma says:

    quando c’è da difendere l’aikido io sono sempre in prima linea…
    PS ma che cazzo di plug in ci vuole per vedere il tg1 dal sito del tg1? ho installato tutto e ho provato con 2 browser e non funziona

  3. la voce says:

    manda te email di protesta per lo schifo di servizio sull’aikido che e’ stato mandato in onda!!!! comoda giacchetta!!!!!!!!!!!!!!!!! ma vaffanculo! mi ci faccio certi buci di culo nella ”comoda giacchetta!

  4. Disma says:

    poi il servizio magari era bellissimo (dubito), io ho visto solo il titolo che era surreale

  5. illbegood says:

    anch’io sono indignato perché 25 anni fa mi iscrissi alla palestra di via porpora, pagai un anno ma come disma (o dimaz che non è niente male) ci sono andato solo 2 volte, quindi sono incazzatissimo con il tg1: incompetenti e cialtroni!

  6. Fabio D'Abramo says:

    Salve al gestore del blog, sono un sesto kyu di aikido e lo pratico da un anno, e ho visto il servizio di cui parli.

    L’aikido dipende da come lo insegni, se lo pratichi a ritmi blandi può diventare davvero una ginnastica e nulla più (come mostrato nel servizio), ma se viene praticato e insegnato in modo marziale allora davvero diventa per certi versi anche doloroso. Il direttore didattico dell’aikikai Italia, il Maestro Tada, li spalmerebbe sulle pareti e sul soffitto quelli inquadrati nel servizio, giornalista autore del servizio e conduttore del telegiornale.

    Totali errori ovviamente il descrivere come “nuovo” l’aikido (sentite mai definire qualcosa del secondo dopoguerra “nuovo”?), malgrado nel servizio dicevano bene che è stato creato 60 anni fa e far intendere che l’hakama la usano anche i kyu ovvero chi non ha la cintura nera…

    ma d’altronde si parla sempre del tg 1, personalmente non avevo grandi aspettative se non la consueta sagra di superficialità.

    Saluti

  7. Disma says:

    grazie per le info! io il servizio purtroppo non l’ho visto, però con le tue informazioni completiamo il quadro :D

  8. Guardate, sono un’insegnante di Iaido e Aikibudo, Aikibudo e non Aikido proprio perchè l’Aikido oggi subisce questo trattamento…e la responsabilità non è solo della redazione del tg1 ma di coloro che pur di vendere L’arte marziale sono disposti a tutto…
    Vi posso dire che L’Aikido in quanto tale esiste da almeno 75 anni ed è in italia da più di 45…Inoltre posso assicurare che guardando le braccia dei miei allievi alla fine della lezione tenuta ieri sera, ben pochi oserebbero parlare di ginnastica dolce…(con tutto il rispetto per la ginnastica dolce) che poi L’Aikido insegnato in un certo modo possa anche fungere da ginnastica dolce è un capitolo collaterale e non componente centrale e distintiva di questa straordinaria arte marziale….

  9. Disma says:

    io ho fatto solo due lezioni e di dolce c’era poco, ansimavo

  10. amuro says:

    a proposito di Rai (anche se non c’entra un tubo col post): tu che sei più addentro a certe cose puoi spiegarmi perchè i podcast di Radio Pop occupano la metà dello spazio di quelli della ex Eiar e si sentono molto meglio?

  11. Disma says:

    perché li faccio io….. no scherzo, faccio solo quelli della Banda. Non lo so sinceramente perché non ho mai scaricato i podcast dell’amica Eiar, ma tipo che caratteristiche hanno come bitrate ecc.,?

  12. amuro says:

    oddio, queste nozioni tecniche mi sfuggono (anch’io uso l’x-box soprattutto per i giochi di sparare…); comunque una puntata di Caterpillar dei vostri amici Cirri/Solibello occupa in media 50 mega per 1ora di durata e si sente pianissimo. Perchè non ti fai assumere da loro come consulente/podcast per arrotondare un po’ lo stipendio?
    Tra l’altro spesso vi rubano gli argomenti trattati da voi la mattina….

  13. amuro says:

    n.b. quello alla fine della prima riga del commento non è un emoticon: sono semplicemente dei puntini, una parentesi chiusa e un punto e virgola (giusto per non equivocare: io odio chi usa gli emoticon.-)

  14. Disma says:

    no, non è che rubano gli argomenti è che pensiamo le stesse robe;) in effetti capita anche il contrario ogni tanto noi vogliamo fare una cosa ma l’hanno già fatta loro il giorno prima. E’ che il modo di trattare gli argomenti e le tipologie di argomenti sono simili essendo tutti di scuola rp ;)

  15. Disma says:

    NB E comunque quella dentro la parentesi è una citazione di Rocco Tanica, dico bene?

  16. amuro says:

    Yes. A proposito, ho sentito che lui è appassionato di questo nuovo sport proveniente dalle Indie Occidentali, che è anche ottimo come ginnastica per le braccia, chiamato Palla Base o qualcosa del genere…

  17. paimei says:

    carissimo Disma,
    ti ringrazio per avere scritto di tale servizio: ieri sera il mio Maestro ce ne ha parlato -con un brivido lungo la schiena- durante l’allenamento e mi ero incuriosito.
    guardando la data dei tuoi post sono riuscito a risalire all’edizione:

    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-c2b8375e-9782-4e80-9595-69523c02244e-tg1.html

    se ti chiede un qualche aggiornamento, fai annulla… dovrebbe andare lo stesso.
    Ho scritto un’email alla redazione dicendo che con la loro ginnastica dolce hanno mandato al macello dei poveri anziani.
    Sono senza parole, che ignoranti.
    CAPRE! CAPRE! CAPRE!

  18. Disma says:

    a me non funziona proprio, non so che cacchio di plug in devo installare ;) Comunque mi fa piacere che il maestro abbia detto così, vuol dire che in 2 lezioni di Aikido qualcosa avevo capito :D

  19. paimei says:

    per chi volesse vederlo, lascio il link al video del servizio su youtube

  20. Carlo says:

    Ciao Disma,
    Sono un insegnante di Aikido, di Roma, in parte avere l’attenzione del Tg1 non è una cosa totalmente da denigrare, mi dispiace solo che sia stato fatto con incompetenza. Forse per fare qualche favore all’insegnante in questione.
    E’ una sorta di pubblicità in qualche modo, sentir parlare di Aikido in Rai comunque mi fa piacere.
    Visto che siamo un arte marziale di nicchia (o di nikkyo :P ) in qualche modo può incuriosire e magari far conoscere di più l’aikido.
    Detto questo, non gradisco questa interpretazione di “aiki” come “unione amorevole”, l’aiki dell’aikido è tutt’altro che a fini “amorevoli” o compassionevoli, sono tecniche utilizzate in sincronia e in perfetto tempismo con l’avversario e a tutt’altri fini che fare la ginnastica la mattina.
    Ma purtroppo come una traduzione errata ci fa pensare che un _cammello_ possa passare per la cruna di un ago allo stesso modo la maggior parte dei praticanti pensa che l’aikido sia una forma di ginnastica morbida traducendo “ai” di unione come “amore”. Ti sostengo pienamente nella disamina errata di una ARTE MARZIALE, ps, anche il tai chi non è una ginnastica.. ma mica pretendiamo di spiegarlo alle folle..

  21. Enzo says:

    Sono anche io un praticante di Aikido e, con i miei compagni, ci siamo letteralemente fatti sotto dalle risate.

    Come detto da Fabio d’Abramo, il Maestro Tada, che pure è un sublime praticante delle componenti spirituali dell’Aikido (da non confondere spirituali con dolci eh!), li triterebbe e li userebbe come pavimentazione stradale quelli del servizio.

    Con tutti i lividi che ci infliggiamo a vicenda, per non parlare delle altre lesioni, non siamo esattamente ginnasti, vorrei fargli vedere la foto del Koshinage fatto da Isoyama Sensei…

    Disma, una tecnica eseguita su questi fessi del tg1 da un cugino judoka non può che farci piacere!

  22. Disma says:

    eh, magari, cugino judoka una volta, ormai sono buono solo per il judo alla Xbox ;)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

FLAGGA QUI DI FIANCO SE VUOI CHE TI ARRIVI UNA FOTTUTA MAIL IN CASO QUALCUNO RISPONDA AL TUO STRAMALEDETTO COMMENTO. SE VUOI SOTTOSCRIVERE I COMMENTI SENZA MANCO SCRIVERE NIENTE CLICCA QUI.