Disma Rotating Header Image

Al sindacato

Questa mattina ero in una sede della Cgil, una di quelle sedi dove ci sono due scrivanie, tre sedie e un poster di Luciano Lama sul muro. Che io quando l’ho visto, il poster di Luciano Lama, pensavo che era Berlinguer e allora ho chiesto, ma è Berlinguer e il signor sindacalista mi ha detto che no, che non era Berlinguer che era Luciano Lama, il loro segretario ha detto e che però ci assomiglia un po’ a Berlinguer, soprattutto in quella foto lì del poster. E poi al sindacato c’era un signore del tipo dei cinesi e questo signore diceva “quwakukadaaa”, urlando, ma mica arrabbiato, perché era il suo normale livello di voce. E quello del sindacato, che avrà avuto un settantanni, anche lui urlava senza cattiveria ma con un po’ di nervosismo, gli diceva che doveva prendere appuntamento al centralino unico che oggi non poteva fare quello che doveva fare. Allora il cinese ricominciava a dire “qukalakwakata lavoro quakalakatakawa no oggi wuakalakawa”. E nessuno dei due capiva l’altro. Però il cinese c’aveva un bambino che parlava perfettamente italiano e perfettamente cinese, questo l’ho capito perché anche lui, senza urlare, diceva “quakalakatakawa”. E alla fine mi sa che il cinese lì, quello grande, non è che aveva un problema di lingua, perché anche quando il bambino gli spiegava le cose sembrava che mica lo capiva che doveva prendere appuntamento. E niente, il bambino era molto imbarazzato, continuava a prendere il padre sottobraccio per portarlo fuori e però il padre continuava con il suo “quakalakatakawa”. E alla fine sono andati fuori. Quando sono uscito il bambino era al telefono con il numero per la prenotazione ma non sapeva in che via si trovava e gli ho dato il suggerimento e poi hanno dimenticato le chiavi che però poi le hanno ritrovate e il vecchio della cgil è uscito e mi ha detto che lui non è razzista, che però quando vengono questi cinesi…

Condividi please

3 Comments

  1. will says:

    Strano stò cinese … mi aspettavo più un cinciuncialanwaaa piuttosto che un quakalakatakawaaa … sarà un qualche dialetto del sud!

  2. Disma says:

    infatti lui era ‘del tipo dei cinesi’ non era proprio cinese secondo me

  3. mattia says:

    già, sono sempre gli altri i razzisti.
    Quando stanno sul culo a te, non sei razzista, quando stanno sul culo agli altri allora sono razzisti.

    Piese: ieri ero all’ambasciata giapponese, e c’era questa giapponese che parlava giapponese ma era ceca che parlava giapponese.
    E quella giapponese che parlava giapponese non diceva “quwakukadaaa” ma diceva sempre “hai… hai… so des ka…. so des ka”.
    E io lo capivo. E la sensazione di capire quello che diceva una giapponese era bellissma.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

FLAGGA QUI DI FIANCO SE VUOI CHE TI ARRIVI UNA FOTTUTA MAIL IN CASO QUALCUNO RISPONDA AL TUO STRAMALEDETTO COMMENTO. SE VUOI SOTTOSCRIVERE I COMMENTI SENZA MANCO SCRIVERE NIENTE CLICCA QUI.