Disma Rotating Header Image

Li odio. Anche Bersani

No, non è per seguire la moda del momento, cioé del momento di due mesi fa, che poi qui ci sarebbe da fare un’analisi su quanto si bruciano in fretta le mode sull’internet. Dicevo, li odio, quelli delle assicurazioni, che se compri uno scooter nuovo, non puoi usare la classe di rischio dell’assicurazione che avevi sullo scooter vecchio a meno che non lo rottami e io non ho voglia di rottamarlo, è faticoso e costoso, voglio tenerlo lì, rotto, nel box e non capisco per quale cazzo di motivo non posso usare la stessa fottuta classe di rischio sullo scooter nuovo prima immatricolazione. Che a logica se sono stato così bravino da non fare incidenti con quello vecchio la cosa vale anche con quello nuovo, anche se non lo rottamo, quello vecchio. Oppure è una questione di karma? Che tipo se non lo rottamo e lo tengo lì abbandonato nel box karma cattivo e faccio più incidenti? Non lo so, ma mi stanno sul cazzo. Meno male che c’è il sugo di cinghiale che mi piace, sennò questa terra sarebbe un vero inferno.

Condividi please

6 Comments

  1. Der Pilger says:

    un inferno lo sarebbe se non ci fosse anche la riflessologia plantare e il chinotto.

  2. Mattia says:

    e per fortuna che non sei romeno
    http://www.repubblica.it/cronaca/2010/05/31/news/

  3. Disma says:

    sì, è la prima cosa che ho pensato quando ho visto quel pezzo lì

  4. luc says:

    dovresti provare a dire che se non ti tengono la classe di rischio cambi assicurazione

  5. Disma says:

    sì, ci ho provato però rispondono tutti allo stesso modo ;)

  6. ele says:

    codice delle assicurazioni, art. 134, co. 4 bis: "l'impresa di assicurazione, in tutti i casi di stipulazione di un nuovo contratto, relativo a un ulteriore veicolo della medesima tipologia, acquistato dalla persona fisica già titolare di polizza assicurativa […] non può assegnare al contratto una classe di merito più sfavorevole rispetto a quella risultante dall'ultimo attestato di rischio conseguito sul veicolo già assicurato".

    e anche, al comma 3: "in caso […] di mancato rinnovo del contratto di assicurazione per mancato utilizzo del veicolo [quando lo lasci rotto nel box, ndr] l'ultimo attestato di rischio conseguito conserva validità per un periodo di cinque anni".

    Fossi il Valli li avresti già trascinati in Cassazione. Almeno una raccomandata per chiedere il rimborso di quanto hai pagato in più, con minaccia di denuncia all'ISVAP, ci sta. Mi sa che vedi la mia mail, se vuoi una mano scrivimi che "l'è el mè mestè" (mentre scrivere in dialetto palesemente non lo è!) =)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

FLAGGA QUI DI FIANCO SE VUOI CHE TI ARRIVI UNA FOTTUTA MAIL IN CASO QUALCUNO RISPONDA AL TUO STRAMALEDETTO COMMENTO. SE VUOI SOTTOSCRIVERE I COMMENTI SENZA MANCO SCRIVERE NIENTE CLICCA QUI.