Disma Rotating Header Image

+ Case – Chiese

L’altro giorno ero lì che me ne stavo lì e volevo entrare con entrambi i piedi nel clima natalizio. E siccome per me il clima natalizio vuol dire guardare la televisione tutto il giorno, con colimax nel momento in cui trasmettono ‘Una poltrona per due’ o ‘Le dodici fatiche di Asterix’, mi sono messo a guardare la televisione dalle 10 di mattina.

Ho schiacciato il tasto due, che sul mio telecomando corrisponde a Rai 2, e mi è caduta la mascella (lo so che dovrei dire la mandibola, ma molti pensano che la mascella sia la mandibola e la mandibola la mascella, quindi mi adeguo ai più). L’ho tirata su, l’ho incastrata e mi sono stropicciato gli occhi. Niente, ciò che c’era in video continuava ad esserci. Non era un sogno propinatomi da quel rompicoglioni dello spirito dei natali futuri. Era tutto vero.

C’era un prete che conduceva una trasmissione intitolata ‘Sulla via di Damasco’. Questo qui raccontava la rava e la fava che a lui lo hanno appena fatto vescovo ed era contento e allora faceva vedere le interviste con sua sorella, suo padre, i fratelli, quelli della sua parrocchia. Che tutti erano contenti che lui era diventato vescovo, anche se la sorella dice che un po’ le spiace perché pare che non può più andare a pranzo da lei. Che ‘ste cose poteva pure dirgliele con una mail, mi dico io. Ma no, le ha volute dire con la tv.

Mentre il sangue iniziava a ribollirmi nei corpi cavernosi, mentre mi pensavo ‘Che cazzo ce ne fotte che a te ti hanno fatto vescovo, che non vai più a mangiare da tua sorella, che cazzo di servizio pubblico di merda, che cazzo mi vuol dire che un prete conduce una trasmissione sulla tv pubblica, che cazzo mi significa che uno che conduce una trasmissione manda le interviste ai suoi parenti, cioé, stile zero‘.

Ecco, mentre pensavo queste cose, quello lì, il prete che è diventato vescovo, dice qualcosa come che il presepe bisogna tenerlo da conto e fa capire che non gli piace l’aria che tira in Italia, fa capire quello che capiamo ma non lo dice apertamente. Stavo per scagliare il telecomando contro il monitor, mi sono trattenuto solo perché le tv col tubo catodico non le fanno più e quelle lì sottili costano troppo.

Mica finita. Poi, tanto per continuare nel solco della modestia, fa vedere le immagini di quando l’hanno ordinato vescovo. Ecco, praticamente quando diventi vescovo prima ti fanno sdraiare per terra a pancia in giù, poi ti mettono delle mani sulla testa e alla fine, occhio che questo è il passaggio migliore, aprono un libro, quel libro, lo aprono, credo una pagina a caso, e te lo avvicinano alla testa. Poi dopo gli danno il cappello a punta, un anello e un bastone nodoso. Perché in pratica dice che i vescovi sono i successori degli apostoli.

Io ero lì che cercavo sul telecomando il tasto per equippargli pure la Cappa dell’Invisibilità e l’Amuleto dei Sospiri (INT +2 STR +1 Resistenza al fuoco +3). Tutta ‘sta cosa qui in onda sulla tv di stato. Tv di stato. Tv di stato. Tv di stato. No, lo ripeto che così poi non dite che non ve l’ho detto. Che forse loro, lì alla Rai, non se ne sono accorti, che sono tv di stato, dico.

Condividi please

5 Comments

  1. Mattia says:

    Giovanni D'Ercole sta sul culo anche a me che sono cristiano, posso solo pensare quanto sta sul culo a te.

    Diciamo che nella Chiesa si pone un po' come lo scolaro secchione che sta al primo banco ad alzare la mano, e che dice che la maestra ha sempre ragione.

    E poi alla fine tutto questo leccaculismo non gli fa fare nemmeno carriera, visto che l'hanno fatto vescovo ausiliario (mica titolare) di una diocesi neanche importante. Che è come essere nominati sottosegretari all'attuazione del programma di governo, e tirarsela come se nominati ministro dell'interno.

  2. Disma says:

    ahahah non avevo capito che era un ausiliario di dio, pensavo scendesse in campo con la maglia da titolare

  3. am says:

    Abbiamo lo stesso concetto di 'clima natalizio'.

  4. arcureo says:

    Ma lo sappiamo tutti che la Rai è diventata la succursale video di Radio Maria…

  5. […] amico prete, considera il fatto che, oltre alla messa su rai 1, su Rai 2 va (andava?) in ondaSulla Via di Damasco, condotta da un prete. Condividi: Hide […]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

FLAGGA QUI DI FIANCO SE VUOI CHE TI ARRIVI UNA FOTTUTA MAIL IN CASO QUALCUNO RISPONDA AL TUO STRAMALEDETTO COMMENTO. SE VUOI SOTTOSCRIVERE I COMMENTI SENZA MANCO SCRIVERE NIENTE CLICCA QUI.