Disma Rotating Header Image

Il discorso di capodanno di Disma.biz

dismacanzone

Non ero mica sicuro che fosse il giorno, l’anno, il periodo giusto per farlo. Ma forse sì. Mi sono convinto che ormai i tempi sono maturi per dire e non dire, per fare e disfare, com’è e come non è. Siamo alla fine di un epoca, e credo sia giusto condividere questa convinzione. È un passaggio epocale quello che stiamo vivendo e il 2014 finisce con un inizio che potrebbe dare adito a grossi cambiamenti. Su scala globale e su scale locale. Dicevo, negli ultimi giorni sto immaginando la storia vista da lontano, come una storia che non conosco e che osservo raccontata da qualcuno che neppure lui la conosce. Un po’ come accade di solito, con la storia. Gente che non la conosce che la racconta a gente che non la conosce, solo che pensiamo che quelli che la raccontano la conoscano. Ecco, dicevo, la storia è quella del mondo, che di solito è divisa in preistoria, storia antica, medioevo, età moderna, contemporanea e sto cazzo. A grandi linee, mica preciso, ché io non sono tra quelli che non la conoscono e sembra che la conoscono a menadito. Ora, secondo me, siamo in un punto che ci sembra tutto chiaro, molto chiaro. Tra pochi anni, cinquanta, forse cento, tutto ciò che ci è chiaro sarà bazzecola. Di più, pinzellacchera. Come diceva Totò prima, e gli altoparlanti delle spiagge di Bellaria poi, reclamizzando un negozio locale di piadine. Dicevo, tutto ciò che sembra chiaro, non lo sarà più. La scansione storica che conosciamo e che ci dà quella tiepida sicurezza in cui ci crogioliamo, presto sarà solo un ricordo. Tra poco, dovremo fare i conti con l’uomo che se ne va da qua. Che va da qualche altra parte. Anzi, già lo ha fatto e non ce ne rendiamo conto. Noi, uomini, viviamo su una stazione spaziale. L’uomo, è ufficiale, non vive più solo sulla terra. Vive nello spazio. Lo studia e tra breve, breve tipo cento anni, cifra a caso, potrà vivere su terra ferma altrove. Ma il punto non è questo, il punto è che la storia verrà rivista. Non ci saranno più epoche classificate a caso, determinate da re beoni che con i loro clan famigliari conquistano continenti dove vivono venti persone. Re Braccobaldo detto Lo Sfila Sfinteri, famoso per aver tenuto in scacco l’impero romano sfilando sfinteri a mille soldati, non avrà più posto nella storia, perché la storia, finalmente, sarà suddivisa meglio. In due pezzi. Terra e non Terra. Fine. I romani e il colonialismo saranno un unico periodo: Terra. Al limite due periodi. Terra 1 e Terra 2. E finalmente Luigi XVI ce lo leveremo dalle palle. Così come la Pomerania e tutti i feudi tedeschi dove non è successo un cazzo per trecento anni, ma che ce li dobbiamo ricordare perché votavano l’imperatore. Che pure lui, se era vivo oggi, il peggiore degli sfigati lo smutandava. Eh. Dunque Terra 1 è preistoria, cose antiche, roma e medioevo, medioevo e scoperte, industrie e internet. Poi si va fuori dalla terra ed è Terra 2. Quello che credo è che presto internet sarà parte di programma di studi con Terra 1. Voglio dire, stiamo vivendo nello spazio e stiamo lavorando per vivere più lontano, sempre nello spazio. Pare che però ce ne accorgiamo solo per parlare del fatto che gli astronauti bevono la piscia. Nessuno racconta che questo momento, oggi, qui, adesso, è un momento di passaggio epocale. Dall’ieri, all’oggi, al domani. E internet, se ci pensate, con dei fili che collegano i continenti passando sotto il mare, è proprio una roba di ieri.
Buon anno.

Condividi please

7 Comments

  1. Garguz says:

    E’ già partita la raccolta di firme per mandarti al Quirinale?

    Io ci sono!

  2. Disma says:

    Conto su di te!

  3. alq says:

    è questa tua straordinaria capacità di ubriacarti bevendo piscia e poi metterti al computer che fa di te il numero uno

  4. Alessia says:

    Disma noi si vorrebbe un discorso ogni primo del mese, il mondo ne ha bisogno.

  5. Disma says:

    grazie alessia! Purtroppo i mille impegni quotidiani mi impediscono di dedicarmi con costanza agli importanti discorsi che dovrei fare alla nazione

  6. Alessia says:

    Se questo paese è una merda è anche colpa tua che ti rifiuti di educarli tutti.

  7. halifax says:

    al pd han già iniziato a distribuire le divise della federazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

FLAGGA QUI DI FIANCO SE VUOI CHE TI ARRIVI UNA FOTTUTA MAIL IN CASO QUALCUNO RISPONDA AL TUO STRAMALEDETTO COMMENTO. SE VUOI SOTTOSCRIVERE I COMMENTI SENZA MANCO SCRIVERE NIENTE CLICCA QUI.