Disma Rotating Header Image

Freddo

Se c’è una cosa che fa davvero cagare qui in Giappone, non solo in casa mia ma anche nelle altre case che ho sperimentato e pure in quelle di cui ho sentito parlare, è il riscaldamento. Fa un freddo fottuto in casa. Non ho capito bene se è una questione di tenuta termica o di mancanza di termosifoni, ma fa cagare il sistema di riscaldamento. Tant’è che ho appena comprato online un tappeto termico, di quelli che attacchi la spina e poi ti sdrai sopra e stai caldo. Ho speso cinquanta euro per il tappeto e cinque per la spedizione. Bisogna vedere poi quanto costa l’elettricità, in cinque giorni di permanenza in questa casa ho speso circa quattordici euro. So che ho speso quattordici euro perché cinque giorni prima che arrivi la bolletta vera e propria mi hanno mandato una prebolletta per avvisarmi che nella bolletta ci sarà quella cifrà lì da pagare. Bolletta di cinque giorni perché sono qui da poco. La cosa della prebolletta mi sembra una cagata, ma tutto sommato magari ti aiuta a ricordarti una scadenza e a mettere via i soldi se per caso non lo hai già fatto. Comunque, dicevo, il riscaldamento fa cagare, eppure i muri, la porta e pure i vetri sembra abbiano una buona tenuta. Tutto molto moderno, l’edificio dove sto io è del 2004, quello dove stavo prima era del 2009. Insomma, non ci sono spifferi o robe così L’unica cosa che si puuò capire ad occhio nudo è che i vetri non sono doppi vetri, nemmeno sottili, ma non doppivetri. Ma non può essere l’unica spiegazione. Credo che il termosifone, rispetto al condizionatore riscaldi meglio anche se non ho ben chiaro in testa il motivo. Sembra quasi che il caldo del condizionatore sparisca in pochi minuti rispetto alla persistenza del caldo da termosifone. Il tappeto ho scelto di farmelo consegnare lunedì prossimo (sì, puoi scegliere il giorno della consegna!) e vi saprò dire se cambia qualcosa. Secondo me è stata un’idea della Madonna il tappeto elettrico.

8 Comments

  1. el-sibe says:

    il riscaldamento ad aria entra a pieno regime rapidamente, ma si dissolve rapidamente. diversamente, il riscaldamento con i termosifoni è più lento a riscaldarsi, ma dura di più nel tempo, (l’acqua calda ora che ri riscalda e si raffredda, passa del tempo). di solito la scelta del riscaldamento ad aria è più conveniente all’atto dell’istallazione, (non devi rompere niente, va a corrente elettrica), ma viene fatta per quegli ambienti poco freddi e/o poco usati.

  2. effemmeffe says:

    Io ho sempre saputo che i termosifoni “scaldano i muri” e quindi funzionano meglio in termini di confort rispetto alla ventilazione, ma non ho voglia di mettermi a cercare termini quali induzione e robe così.
    Però in ufficio abbiamo i ventilatori e fanno schifo come dici.

  3. LAlessia says:

    Disma ma poi devi fare tutto da sdraiato? O nel tappeto ti ci avvolgi?

  4. Disma says:

    la mia speranza è che il calore del tappeto si irradi verso l’alto permeando la stanza di splendido tepore
    PS ma scusate perché dura di più il calore da acqua calda, cioé nel senso che quando spegni il termosifone rimane caldo per un po’ o nel senso che nella stanza fa più caldo per più tempo? qual è il motivo? Comunque, altra cazzata, è mettere gli a/c in alto…. fossero a livello suolo secondo me sarebbe meglio

  5. mattia says:

    L’acqua calda arriva subito nei termosifoni. Ci mette lo stesso tempo a che arrivarti nella doccia se hai la caldaia al alto opposto rispetto al bagno.
    Toh, ci metterà qualche decina di secondi al massimo l’acqua calda ad andare dalla caldaia al termosifone.
    La differenza è il termosifone stesso. L’acqua calda cede il calore al metallo di cui è fatto il termosifone che lo accumula e poi a sua volta lo rilascia all’ambiente.
    Un po’ come se il metallo di cui è fatto il termosifone è una “batteria di calore”: la “carichi di calore” facendogli fluire acqua calda e poi continua a rilasciarti calore anche quando l’acqua non circola più.
    Ovviamente, più è massiccio il termosifone (mai provato a sollevarne uno?) e più calore immagazzinerà. Così più calore immagazzinerà e più il calore verrà rilasciato nel tempo quando spegni la caldaia.
    Il condizionatore invece non ha nessuna parte che può scaldarsi, immagazzinare calore, e rilasciarlo quando lo spegni.

  6. andrea says:

    ..mi dispiace deluderti ma scalda solo i piedi.,forse sovralimentandolo scalda di piu,ma poi prende fuoco.

  7. Disma says:

    nuooooooooooooooooooooooooooooooooooo

  8. LAlessia says:

    Disma, mia nonna diceva sempre che caldi i piedi, caldo tutto. Sei a posto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

FLAGGA QUI DI FIANCO SE VUOI CHE TI ARRIVI UNA FOTTUTA MAIL IN CASO QUALCUNO RISPONDA AL TUO STRAMALEDETTO COMMENTO. SE VUOI SOTTOSCRIVERE I COMMENTI SENZA MANCO SCRIVERE NIENTE CLICCA QUI.